Blog - Cavitazione e intensificazione di processo

16/09/2018

La natura e la cavitazione idrodinamica: il gambero pistolero

La natura e la cavitazione idrodinamica: il gambero pistolero


Sapevi che anche la natura utilizza la cavitazione idrodinamica? Il gambero pistolero, che appartiene alla famiglia dei crostacei e vive nelle zone tropicali e subtropicali, usa la cavitazione idrodinamica nella sua vita di tutti i giorni.
Questo gambero, che non è più lungo di 5 cm, è caratterizzato da una grossa chela, che utilizza per stordire e uccidere le sue prede, di solito pesciolini, piccoli gamberi e granchi, grazie alla cavitazione idrodinamica.
La sua grande chela, che può arrivare a raggiungere metà delle dimensioni del suo intero corpo, può essere aperta e chiusa molto velocemente, in meno di un millisecondo: la sua geometria particolare genera un getto di acqua velocissimo, che viaggia a circa 100 km/h; questo getto produce una zona di bassa pressione, quindi un cloud di bolle di vapore, che implodono sulla preda.
Il cloud di bolle implode a circa 3 mm dalla sua chela, quando la pressione dell'acqua circostante aumenta.
Quando le bolle collassano, si vengono a formare condizioni locali di alta temperatura (diverse migliaia di gradi) e di alta pressione (diverse migliaia di atmosfere), che non lasciano scampo alle prede: la pressione e la temperatura sono così elevate che può verificarsi il fenomeno della sonoluminescenza per pochi nanosecondi.
Conosciuta anche come caccia sonica, questo è un modo per stordire e uccidere le prede, senza utilizzare un contatto fisico diretto.

facebooktwitterlinkedingoogleplus

10/09/2018

Estrazione da gusci di fave di cacao con il cavitatore ROTOCAV

Estrazione da gusci di fave di cacao con il cavitatore ROTOCAV


Alcuni test pilota sono stati condotti per estrarre composti ad elevato valore aggiunto dai gusci delle fave del cacao con il cavitatore idrodinamico ROTOCAV: i risultati sono riportati sulla rivista "Food Research International" e pubblicati su Sciencedirect, uno dei più importanti database internazionali di articoli scientifici.
L'obiettivo del presente lavoro è stato valorizzare i gusci del cacao, solitamente sottoprodotto di scarto del processo di tostatura, in modo da migliorare l'estrazione di composti ad elevato valore aggiunto.
E' stato dimostrato che i gusci delle fave del cacao sono una fonte interessante di flavanoli antiossidanti (catechina ed epicatechina), metilxantine (teobromina e caffeina), acidi grassi e fibre. L'estrazione con il cavitatore idrodinamico ROTOCAV ha dato rese di processo del 15,8% p/p per la frazione lipofilica e del 20,5% p/p per la frazione idrofilica, composta essenzialmente da polifenoli e metilxantine: questi sono stati i migliori risultati rispetto all'estrazione in ultrasuoni e all'estrazione convenzionale, entrambe condotte su scala da laboratorio.
Migliora il tuo processo estrattivo e valorizza gli scarti con un cavitatore ROTOCAV, scegli la migliore tecnologia di estrazione che il mercato ti offre!

facebooktwitterlinkedingoogleplus

21/07/2018

Cosa significa cavitazione e per quale motivo dovrei installare un cavitatore idrodinamico ROTOCAV?

Cosa significa cavitazione e per quale motivo dovrei installare un cavitatore idrodinamico ROTOCAV


Un video animato per spiegare brevemente che cos'è la cavitazione e come il nostro cavitatore idrodinamico ROTOCAV può migliorare i processi industriali: se hai bisogno di intensificare il tuo processo per miscelare liquidi con liquidi, liquidi con solidi e liquidi con gas puoi sfruttare la cavitazione idrodinamica indotta dal ROTOCAV e aumentare le rese di processo e la qualità dei tuoi prodotti.
Ottimizza il trasferimento di materia e i fenomeni diffusivi, promuovendo turbolenza, cavitazione e sforzi di taglio, riduci drasticamente i tempi di processo e gli hold-up, e ottieni prodotti di qualità superiore! Guarda il video!

facebooktwitterlinkedingoogleplus

20/03/2018

Cavitazione idrodinamica per il trattamento di pigmenti, vernici e rivestimenti

Cavitazione idrodinamica per il trattamento di pigmenti, vernici e rivestimenti


Hai mai sentito parlare del trattamento di pigmenti e coloranti per cavitazione idrodinamica nelle industrie delle vernici e dei rivestimenti? Lavori in una di queste industrie e hai problemi di omogeneizzazione e dispersione? Abbiamo testato il nostro cavitatore idrodinamico ROTOCAV sui pigmenti, ottenendo una distribuzione granulometrica molto più uniforme nelle scale micro e nano, migliorando la qualità dei colori, delle vernici e dei rivestimenti.
Il nostro test è stato in grado di ridurre la dimensione delle particelle solide, ottenendo anche una curva di distribuzione granulometrica più stretta, omogeneizzando e disperdendo efficacemente i pigmenti nel liquido.
Il trattamento ha incrementato anche la stabilità della dispersione, senza sedimenti e agglomerati, anche dopo un mese di stoccaggio dei campioni.
Perché trattare i pigmenti per cavitazione idrodinamica? I microjet e gli sforzi di taglio che si generano durante la cavitazione idrodinamica disgregano le particelle solide, migliorando la saturazione del colore, la stabilità, la consistenza e la bagnabilità!

facebooktwitterlinkedingoogleplus

19/01/2018

Comparazione tra il ROTOCAV e gli altri cavitatori idrodinamici presenti sul mercato

Comparazione tra il ROTOCAV e gli altri cavitatori idrodinamici presenti sul mercato


La cavitazione idrodinamica può essere generata da elementi statici o dinamici.
Negli elementi statici, come i venturi o le piastre forate, l'energia di pressione è convertita a energia cinetica o, in altre parole, il fluido ad alta pressione e bassa velocità, incrementa la sua velocità a discapito della pressione: idealmente, la cavitazione inizia a generarsi quando la pressione raggiunge la tensione di vapore del fluido.
Cosa c'è che non va negli elementi statici? Seguiamo il percorso di conversione dell'energia in un elemento a venturi: naturalmente, occorre una pompa per incrementare la pressione del fluido all'ingresso del venturi, quindi l'energia elettrica della pompa è prima convertita in energia di pressione, poi in energia cinetica, quando il fluido entra nella restrizione del venturi, quindi di nuovo in energia di pressione, a valle del venturi.
Gli svantaggi sono evidenti: con questa configurazione tutto il fluido che deve essere trattato deve essere pompato fino al raggiungimento di una pressione idonea, almeno nel range 4-20 bar, e inoltre ci sono molti passaggi di conversione di energia, che rendono il processo meno efficiente e fanno aumentare i costi operativi.
Inoltre, se si trattano sospensioni, solidi miscelati a liquidi, ci saranno problemi di intasamento e relativi costi di manutenzione straordinaria.
Non si può direttamente applicare l'energia cinetica al fluido senza pomparlo a più alta pressione?
Sì che si può! Impiegando un elemento dinamico: possiamo pompare il fluido a un cavitatore idrodinamico dinamico a pressione pressoché ambiente e generare cavitazione facendo direttamente ruotare l'elemento cavitazionale, saltando quindi uno step di conversione di energia per generare cavitazione.
Il fluido è quindi accelerato direttamente dal rotore nella camera di cavitazione, per cui l'energia elettrica del motore del cavitatore è convertita in energia cinetica applicata al fluido, che caviterà.
Non c'è più bisogno di pompare tutto il fluido da trattare ad alta pressione e non ci saranno più problemi di intasamento dovuti agli elementi statici.
Ricapitolando, un cavitatore idrodinamico dinamico dovrebbe essere la giusta strada per un processo più efficiente, ma perché scegliere un ROTOCAV rispetto ad un altro cavitatore?
Prima di ottimizzare il nostro cavitatore ROTOCAV abbiamo studiato nel dettaglio che cosa il mercato offriva e quali fossero le problematiche dei cavitatori disponibili.
Alcuni cavitatori idrodinamici dinamici possono essere usati efficacemente solo per trattare liquidi, per esempio per riscaldare omogeneamente fluidi puliti o per produrre biodiesel per transesterificazione, questo perché gli elementi del rotore si possono facilmente intasare se alla camera di cavitazione viene alimentata una sospensione liquido-solido; inoltre, la maggior parte dei cavitatori dinamici non riesce a trattare per cavitazione omogeneamente tutto il fluido e può generare solo cavitazione stazionaria, meno intensa rispetto alla cavitazione non stazionaria, poiché non apporta cambiamenti chimici o fisici di rilevanza al fluido trattato (maggiori informazioni sull'argomento disponibili su tipi diversi di cavitazione per processi differenti).
Inoltre, alcuni dei cavitatori idrodinamici dinamici disponibili sul mercato sono difficili da scalare, in quanto gli elementi che generano cavitazione sono disposti radialmente: ciò significa che incrementare le dimensioni del diametro del rotore e cambiare la dimensione degli elementi sul rotore stesso per lo scale-up modificheranno il tipo di cavitazione, così come il parametro "numero di cavitazione", causando la perdita di controllo sul processo.
A parte queste problematiche elencate, bisogna inoltre considerare che alcuni cavitatori, oltre a generare cavitazione, hanno un effetto di pompaggio sul fluido, a causa della loro geometria, ciò diminuisce inevitabilmente l'energia disponibile per generare cavitazione e saranno meno efficienti.
Il nostro ROTOCAV è un cavitatore idrodinamico dinamico: paragonato a un singolo passaggio in un elemento di tipo statico tratta il fluido migliaia di volte nello stesso lasso di tempo, applicando la stessa quantità di energia; se paragonato agli altri cavitatori idrodinamici dinamici è in grado di generare cavitazione non stazionaria e supercavitazione, è in grado di trattare tutto il bulk del fluido, può trattare sospensioni senza problemi di intasamento sugli elementi cavitazionali, non ha un effetto di pompaggio sul fluido, quindi tutta l'energia è usata per generare cavitazione e non ha problemi di scale-up, in quanto i parametri operativi sono preservati dall'unità di laboratorio a tutte le taglie industriali.
Il nostro ROTOCAV è stato ingegnerizzato per massimizzare l'area di generazione della cavitazione: paragonato agli altri cavitatori idrodinamici dinamici il volume di cavitazione può essere di 3-4 volte tanto!
Scegli un ROTOCAV per intensificare il tuo processo!

facebooktwitterlinkedingoogleplus

09/01/2018

Cavimax e ROTOCAV su rivista Food and Drink Business Europe magazine

Cavimax e ROTOCAV su rivista Food and Drink Business Europe magazine


Un altro articolo su Cavimax e ROTOCAV pubblicato da Food & Drink Business Europe, rinomata rivista che si occupa del settore industriale food and drink nel Regno Unito e, più in generale, in Europa.
Biogas da scarti alimentari, lavorazioni di alimenti e bevande, produzione di birra, estrazioni da prodotti naturali, disintegrazione di biomassa, biorisorse e sostanze nutraceutiche: il cavitatore idrodinamico ROTOCAV intensifica e migliora tutti questi processi, velocizzando le reazioni chimiche e i processi biologici e fisici; risparmio di energia, tempo e materie prime e rese aumentate!
Leggi l'estratto dall'articolo Hydrodynamic Cavitation Technology - The Future of Food and Drinks Processing & Biogas From Food Waste.

facebooktwitterlinkedingoogleplus